L3 RICERCA & SELEZIONE

… passione per il lavoro …

CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L’ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI

contributi-oggi[1]

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L’ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI IN MODALITA’ CLOUD COMPUTING REGIONE VENETO.

Prende avvio il programma di interventi in attuazione degli obiettivi dell’Agenda Digitale del Veneto, approvato con D.G.R. n. 1475 del 12 agosto 2013. L’importo complessivo messo a disposizione per la concessione delle agevolazioni pubbliche ammonta ad Euro 2.000.000,00.

I finanziamenti saranno erogati, sotto forma di contributi in conto capitale, nel rispetto dell’importo complessivo di aiuti “de minimis” concessi ad ogni impresa nel limite di euro 200.000,00 nell’arco di tre esercizi finanziari.

Definizione e servizi finanziabili

Il cloud computing è un modello per consentire un accesso economico e on-demand ad un insieme di risorse di calcolo condivise, configurabili ed accessibili via rete in base alle proprie esigenze (ad esempio reti, server, storage, applicazioni e servizi) che possano essere rapidamente richieste e rilasciate con un minimo sforzo gestionale e mediante una limitata interazione con il fornitore di servizi.

Il modello cloud promuove la disponibilità ed è caratterizzato da:

  • cinque caratteristiche: on-demand self-service, accesso dalla rete, assegnazione di risorse “svincolate” dalla localizzazione (resource pooling and location independence), rapida scalabilità delle soluzioni (rapid elasticity), misurabilità dei servizi;
  • tre modelli di servizio: Iaas (Cloud Infrastructure as a Service), PaaS (Cloud Platform as a Service), SaaS  (Cloud Software as a Service);
  • quattro modelli di distribuzione: private, community, public, hybrid cloud.

Il modello di servizio Software as a service identifica i servizi fruiti in modalità cloud come:

  • produttività del personale d’ufficio: elaborazione documenti, fogli di calcolo, presentazioni, etc.), mail, rubrica, calendario, etc.
  • gestione conoscenza e collaborazione: Chat e Social Networking, Discussione e condivisione conferencing, condivisione documenti, etc.
  • business applications (gestionali e gestionali integrati): ERP (Enterprise Resource Planning); gestione dei processi aziendali, gestione ciclo attivo e passivo, rimborsi spese, budgeting e analisi dei costi, gestione fiscale, gestione finanziaria, redazione bilanci, etc., gestione del personale, gestione della produzione (pianificazione, MRP, scheduling), project management, reportistica e business intelligence; gestione della rete come gestione delle relazioni con il consumatore, gestione della forza vendita, gestione delle relazioni con i fornitori e la filiera.

Il modello di servizio infrastructure as a service individua i servizi utilizzati in modalità cloud: Virtual server (capacità computazionali), storage, data transfer, load balance, database, servizi di supporto, assistenza e tool di monitoraggio dell’infrastruttura cloud, gestione notifiche, messaggi, etc.

Il modello di servizio Platform as a service è un particolare modello di servizio cloud tramite il quale il Provider fornisce al cliente, oltre al servizio hardware, le piattaforme applicative; l’acquisto, la configurazione, l’ottimizzazione e la gestione dell’hardware e del software di base sono completamente demandate al Provider; si riduce conseguentemente il carico di lavoro del personale e conseguentemente anche i costi per lo startup ed il mantenimento delle applicazioni.

Finanziamento

Viene riconosciuto un contributo sino al 75 per cento della spesa ammessa ed effettivamente sostenuta nei primi 12 mesi solari successivi alla data di presentazione della domanda di concessione del contributo, nel caso di contratti in corso a tale data oppure alla data di sottoscrizione del contratto, nel caso di contratti sottoscritti successivamente alla presentazione della domanda stessa.

Il contributo complessivamente concedibile sarà pari ad almeno Euro 2.500,00  e non sarà superiore ad Euro 20.000,00.

Beneficiari

Possono partecipare al presente bando le PMI singole come imprese individuali, società cooperative, società di persone e società di capitali, che siano costituite con iscrizione al registro delle imprese, siano attive e dispongano di almeno una sede operativa ubicata nel territorio regionale attiva e funzionante, alla data di pubblicazione del presente Bando.

Non possono fruire dell’agevolazione le società che si trovano:

  • in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo, liquidazione volontaria;
  • che non siano in regola con il pagamento dei contributi previdenziali, assistenziali ed assicurativi, con gli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse, con gli obblighi in materia di prevenzione degli infortuni e sicurezza sui luoghi di lavoro.

I predetti requisiti devono essere mantenuti sino al 31/12/2015, pena la decadenza.

Spese ammissibili

Sono ammissibili i costi sostenuti nei primi 12 mesi solari successivi alla data di presentazione della domanda di concessione del contributo oppure alla data di sottoscrizione del contratto se successiva alla presentazione della domanda.

Tutte le spese devono essere documentate tramite contratto scritto, stipulato a prezzi e condizioni di mercato e in assenza di conflitto di interesse e di condizioni di collusione fra acquirente e fornitore, a pena di non riconoscimento delle spese medesime.

Presentazione della domanda di contributo

La domanda di ammissione al contributo verrà inoltrata da parte del soggetto interessato in due fasi:

  • dalle ore 09,00 del 30° giorno successivo alla pubblicazione del Bando sul BUR, provvede alla propria registrazione sulla piattaforma di Veneto Innovazione S.p.a. e compila la domanda on line;
  • dalle ore 09,00 del 60° giorno successivo alla pubblicazione del Bando accede alla piattaforma mediante le credenziali rilasciate e inoltra la domanda on line stampando e salvando su supporto telematico la domanda, appone sulla copia stampata la marca da bollo pari ad euro 14,62. La domanda verrà scansionata e inviata tramite posta PEC alla Regione Veneto entro i successivi 7 giorni.

La domanda così scansionata e inviata tramite PEC può pervenire alla Regione Veneto entro le ore 24,00 del giorno 28 febbraio 2014.

Per maggiori informazioni si prega di visitare la pagina http://www.regione.veneto.it

Fonte: dal sito della Regione del Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/10/2013 da in Finanziamenti Imprese con tag .

CONSULENTI DEL LAVORO

I NOSTRI PARTNERS

LABORTRE NEWS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: