L3 RICERCA & SELEZIONE

… passione per il lavoro …

LA CRISI ECONOMICA FRENA L’IMMIGRAZIONE.

Secondo il Rapporto sulle Migrazioni, l’anno scorso gli stranieri in Italia sarebbero aumentati solo di 27 mila unità. Ma tra vent’anni saranno un quinto della popolazione.stranieri4

Roma, 11 dicembre 2012. La crisi economica e il blocco dei flussi  d’ingresso frenano l’immigrazione in Italia: tra il 2011 e il 2012 si è andati  vicini alla crescita zero. Ma le proiezioni a medio termine dicono che tra  vent’anni sarà straniero un abitante d’Italia su cinque.

Lo dice XVIII Rapporto nazionale sulle migrazioni 2012, elaborato dalla  Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla multietnicità) e presentato oggi a  Milano.

Secondo i ricercatori, in un anno il numero degli immigrati presenti in Italia è  rimasto pressoché invariato: se al 1° gennaio 2011 l’Ismu contava 5 milioni e  403mila unità (regolari e non), a distanza di un anno ne ha contati contano 5  milioni e 430mila. Solo circa 27mila presenze in più, un incremento dello 0,5% e  un vero e proprio crollo rispetto al 2008-2009, anni in cui ancora si  calcolavano aumenti annui di 500mila unità. Le prime avvisaglie di rallentamento  già si erano però notate in tutto il 2010 in cui si era registrato un aumento di  sole 69 mila unità.

Le cause della battuta di arresto dei nuovi ingressi, spiegano gli autori del  Rapporto, vanno cercate nel perdurare della crisi economica che ha investito  l’Italia e l’Europa. E se da un lato si emigra sempre meno verso l’Italia (e  soprattutto si emigra sempre meno per motivi di lavoro), dall’altro aumentano i  flussi in uscita dei cittadini italiani: nel 2011 i connazionali emigrati  all’estero sono 50mila, il 9% in più rispetto al 2010 (in totale al 1° gennaio  2012 i nostri connazionali all’estero sono più di 4,2 milioni, non molto meno  degli stranieri in Italia).

Tra gli immigrati regolarmente presenti nel nostro Paese, la nazionalità più  numerosa è quella rumena con più di 1 milione di presenti, seguita dalla  marocchina e dall’albanese (con 506mila e 491mila soggiornanti). Diminuiscono  del 26% gli irregolari stimati in 326mila unità, 117mila in meno rispetto ai  443mila calcolati al 1° gennaio 2011. Sul fronte occupazionale il tasso di  disoccupazione degli stranieri registra un aumento negli ultimi dodici mesi  (dall’11,6% al 12,1%).

Aumentano i minori extracomunitari che passano dal 21,5% al 23,9%. In  particolare la presenza dei minori extracomunitari nati nel nostro paese si  accresce costantemente: secondo i dati del 2012 i nati in Italia sono ormai  500mila e rappresentano il 60% del totale dei minori stranieri.

Comunque, nonostante la battuta d’arresto dei flussi in arrivo, Ismu prevede che  i residenti stranieri aumenteranno di circa 6 milioni tra il 2012 e il 2041, con  un’incidenza che passerebbe dall’attuale 8% al 18%. Si calcola inoltre che gli  over 65 passeranno dagli attuali 100mila a oltre 1,6 milioni nel 2041, fino a  raggiungere i tre milioni a fine 2060.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/12/2012 da in Mercato del lavoro con tag .

CONSULENTI DEL LAVORO

I NOSTRI PARTNERS

LABORTRE NEWS

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: